tumori

Un gruppo di scienziati dell’University of Colorado Cancer Center (Usa) dimostrano il possibile impiego del colesterolo come ‘cavallo di Troia’ attraverso il quale ingannare la parete cellulare – naturalmente composta da grasso – per permettere alle sostanze da veicolare di arrivare dove dovrebbero

Milano, 2 apr. (Adnkronos Salute) – Zattere di colesterolo per traghettare farmaci antitumorali all’interno delle cellule malate. Da bersaglio da colpire, il grasso più odiato dai salutisti si trasforma in possibile alleato contro il cancro.

Continua a leggere

Le linee guida per prevenire, monitorare e trattare la cardiotossicità. Uno studio fa luce sui meccanismi responsabili

MILANO – Uno studio comparso sulla rivista Nature Medicine fa luce su un meccanismo molecolare per cui un farmaco chemioterapico può causare problemi cardiaci. Il farmaco studiato dai ricercatori è la doxorubicina, da 50 anni utilizzata per curare molti tipi di cancro. «La tossicità cardiovascolare è una potenziale complicazione di diverse terapie anticancro ed è un argomento che richiama crescente attenzione – spiega Daniela Cardinale, direttore dell’Unità di cardioncologia all’Istituto europeo di oncologia di Milano -. Non a caso proprio nei giorni scorsi sono state pubblicate su Annals of Oncology le linee guida pratiche della Società europea in oncologia (Esmo) sulla cardiotossicità indotta sia da chemio e radioterapia che dalle nuove target therapy».

Continua a leggere

I risultati di una ricerca pubblicata su Nature Communications. Fumo, cibo e alcol possono influire sulla salute della nostra discendenza. Ripercussioni sul bebè se la mamma in attesa assume estrogeni.

PREVENIRE il tumore con uno stile di vita corretto. Secondo l’Associazione delle leghe europee contro il cancro può far scendere del 50% il rischio di ammalarsi. Ma ora una ricerca statunitense rivela che comportamenti sbagliati non influiscono solo sulla salute delle mamme, ma anche sulla loro discendenza. Figli, nipoti e pronipoti potrebbero sviluppare più facilmente un tumore se la donna, soprattutto in gravidanza, mangia male, fuma, assume alcol e fa una vita sedentaria. Anche l’assunzione di estrogeni da parte delle puerpere, inoltre, potrebbe alterare in modo permanente le cellule del bebè e anche quelle dei suoi futuri figli, portando le donne a sviluppare un cancro al seno. 

Continua a leggere

“In termini assoluti, quello che conta e’ l’aumento della sopravvivenza a cinque anni. E’ un dato che, in campo oncologico, pone il nostro Paese all’avanguardia in Europa e nel mondo”. E’ il commento del ministro della Salute, Renato Balduzzi, alla fotografia scattata nel volume “I numeri del cancro in Italia 2012”, messo a punto dall’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e dall’Associazione italiana registri tumori (Airtum) e presentato oggi a Roma nel dicastero di Lungotevere Ripa.

Continua a leggere

Il Medico Risponde

Il Medico Risponde

Calendario

<< Feb 2020 >>
lmmgvsd
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 1

Eventi

  • Non ci sono eventi

Newsletter

Inserisci qui la tua e-mail per iscriverti!